La comunità

Quale comunità vuoi visualizzare?

L'esercito americano cambia la divisa

Negli Stati Uniti i soldati sono stati autorizzati a portare turbante, barba e hijab

in  religioni , America , società

Simratpal Singh

(Adelle M. Banks) Le autorità militari americane rendono più flessibile il loro regolamento affinché sia più compatibile con il rispetto di determinate norme religiose. Le deroghe sono possibili se a farne richiesta sono soldati di comprovata fede.
I nuovi regolamenti dell'esercito americano autorizzano i soldati a portare turbante, barba o hijab nella maggior parte delle situazioni. Un cambiamento che va incontro a una rivendicazione che i sikh avanzano da anni. “Sulla base dell'esperienza positiva fatta con i soldati attualmente in servizio che beneficiano di tali deroghe, ho stabilito che il comando a livello della truppa poteva ormai accogliere richieste di questo genere”, ha scritto il segretario dell'esercito, Erik K. Fanning, in una nota datata 3 gennaio.

Soldati autorizzati a portare turbante e barba, le soldatesse potranno indossare l'hijab

A marzo del 2016 l'esercito aveva riconosciuto che autorizzare la barba per motivi medici, ma vietarla quando risponde a un imperativo religioso è una restrizione discriminatoria per il servizio militare dei sikh che a causa della loro religione non possono tagliarsi né barba né capelli. Grazie a questa decisione il capitano Simratpal Singh, laureato all'accademia militare di West Point e beneficiario della stella di bronzo (assegnata per atti di eroismo) è stato il primo militare a ottenere il diritto di restare in servizio attivo sotto la bandiera a stelle e strisce rispettando al contempo l'obbligo religioso di portare barba e turbante.

L'esercito americano cambia la divisa
L'esercito americano cambia la divisa
L'esercito americano cambia la divisa
L'esercito americano cambia la divisa
L'esercito americano cambia la divisa

Harsimran Kaur, responsabile legale della Coalizione sikh ed esperto di difesa dei sikh in un grande studio legale, ha accolto con favore la decisione. “Pur continuando a batterci per ottenere una legge che permetterebbe a tutte le minoranze religiose senza eccezione di svolgere il servizio militare, riconosciamo il progresso che questa nuova regola rappresenta per la tolleranza religiosa e la diversità da parte del maggiore datore di lavoro del nostro paese”, ha scritto l'avvocato in un comunicato.
La nota delle autorità prevede tuttavia che i soldati non potranno avere la certezza di ottenere questa agevolazione. “Se un comandante stabilisce che la domanda non è basata su una fede sincera o se in una situazione particolare la deroga rappresenta un pericolo per la sicurezza del soldato”, la domanda può essere respinta. Salvo eccezioni, i soldati che già beneficiavano di una deroga hanno ricevuto autorizzazioni ufficiali la settimana scorsa.

Se la domanda non è basata su una fede sincera,questa può essere respinta

Sono in corso ricerche per trovare maschere antigas che possano essere usate in tutta sicurezza anche da soldati con la barba, ha spiegato Erik Fanning. Nel frattempo i militari interessati non saranno autorizzati a seguire addestramenti che comportano l'uso di prodotti chimici tossici o che per ragioni tattiche richiedono la rasatura del viso.
La nota di servizio precisa anche che l'hijab o il velo indossato da alcune soldatesse musulmane dovrà essere prodotto con tessuti di colore discreto che si avvicini al colore dell'uniforme da combattimento. Inoltre può essere richiesto che questi tessuti siano ignifughi.
La nuova direttiva è accompagnata da illustrazioni che mostrano come l'hijab debba circondare il viso senza coprire la zona che va dalle sopracciglia al mento o come la barba di oltre cinque centimetri possa essere arrotolata e fissata per non superare questa lunghezza massima autorizzata. (da Protestinter; trad. it. G. M. Schmitt)