La comunità

Quale comunità vuoi visualizzare?

Mancano cappellani l'esercito corre ai ripari

Procedure facilitate per l'assunzione degli assistenti spirituali che prestano servizio nell'esercito

in  cristianesimo , religioni , società

Mancano cappellani l'esercito corre ai ripari

(Daniel Klingenberg) L'esercito svizzero teme di non avere, a medio termine, un numero sufficiente di cappellani. Per coprire il fabbisogno, il capo del servizio di assistenza spirituale prevede di ricorrere, in futuro, anche a diaconi, catechisti e studenti di teologia. E non esclude l'introduzione di un'assistenza spirituale multireligiosa.

Condizioni d'accesso facilitate
Nell'autunno del 2010 l'allora capo del servizio di assistenza spirituale dell'esercito suonò il campanello d'allarme. In mancanza di nuove leve “il servizio ausiliario di assistenza spirituale cesserà nel 2029”, scrisse in una newsletter. Sarebbero sempre meno i pastori, i sacerdoti e gli assistenti pastorali interessati al servizio ecumenico come cappellani militari. Per invertire la tendenza sono state nel frattempo allentate le condizioni di accesso: per diventare capitano cappellano non è più necessario aver svolto la scuola reclute, il servizio può essere prestato anche da pastori o pastore stranieri naturalizzati e le sole condizioni richieste sono la raccomandazione da parte di una Chiesa nazionale e la frequentazione di un corso introduttivo di sette settimane e di un corso di formazione tecnica di tre settimane.

La facilitazione dell'accesso si è dimostrato una misura poco efficace.

Malgrado queste misure, il numero dei cappellani continua a rimanere notevolmente inferiore alle 300 persone necessarie. Per l'attuale capo del servizio di assistenza spirituale dell'esercito, Stefan Junger, la prospettiva per il futuro è tuttavia meno cupa rispetto a sei anni fa: il ridimensionamento dell'esercito a 100.000 militi consente di limitare il numero di cappellani a circa 170. “Attualmente è questo il numero di cappellani che abbiamo a disposizione”, dice Junger.

Diaconi, catechisti e studenti
L'età media dei cappellani attualmente in servizio è relativamente alta, per questo motivo il capo del servizio intende battere nuove strade: “In futuro prevediamo di nominare cappellani anche ufficiali specialisti”. Junger pensa a persone già impegnate nel servizio ecclesiale, come diaconi o catechisti. “Ma anche gli studenti di teologia possono essere tenuti in considerazione”. Per il reclutamento dei nuovi cappellani sarà necessario elaborare un procedimento di selezione: “È ipotizzabile una sorta di valutazione”, afferma Junger. Resta inoltre da definire dove verranno impiegati. Se tutto andrà come previsto, i nuovi assistenti spirituali saranno pronti a entrare in servizio già dal 2018.

Cappellani non cristiani
Con il nuovo tipo di cappellano dell'esercito potrebbero aprirsi nuove opportunità. Potrebbero per esempio essere coinvolti anche assistenti spirituali di religioni non cristiane. Stefan Junger pensa alla possibilità di assumere cappellani musulmani? “Resta da vedere in che modo la sempre più varia provenienza religiosa dei membri dell'esercito influirà sulla scelta”, dice. Per legge il servizio di assistenza spirituale è a disposizione di tutti i militi, indipendentemente dalla loro appartenenza religiosa. “È perciò possibile che in futuro tale servizio possa essere svolto anche da cappellani non cristiani”, conclude Junger. (ref.ch; foto: Newsletter Armeeseelsorge)